Home Champions League Quanto ha incassato la Juventus e quanto ha perso con l’uscita dalla...

Quanto ha incassato la Juventus e quanto ha perso con l’uscita dalla Champions League: tutti i premi

29
0
Juventus

La Juventus è stata eliminata dalla UEFA Champions League. I mancati ottavi di finale pesano anche sul fattore economico. Attualmente, la Juventus ha incassato poco più di 52 milioni di euro con il suo percorso in Champions League. Una cifra che tiene conto della quota minima di market pool (che può ancora essere rivista al rialzo) e già depurata della multa imposta dalla UEFA per le violazioni del Fair Play Finanziario (3,5 milioni di euro).

Champions League, premi milionari: quanto ha incassato e quanto ha perso la Juventus con l’uscita dal torneo

Ma quanti soldi mancheranno dalle casse dei bianconeri con questa uscita dal torneo? Guardando solamente ai bonus per i risultati, tra i successi nel girone (la Juve doveva ottenere due vittorie per poter sperare di passare) e il passaggio agli ottavi, la società avrebbe messo in cassa 15,1 milioni di euro in più.

Ecco nel dettaglio tutti gli incassi:

Bonus partecipazione 15,64
Ranking storico 32,99
Market pool 1 2
Market pool 2 2,73
Bonus risultati 2,8
Multa FPF -3,5
TOTALE 52,66

I premi Champions per la Juve (cifre in milioni di euro)

A questa cifra si sarebbe aggiunta una quota market pool maggiore e l’incasso per una sfida aggiuntiva di Champions all’Allianz Stadium (tra i 3 e i 4 milioni potenzialmente). Ma così non è stato, dunque il mancato superamento della fase a gironi impedirà al club di mettere in cassa circa 20 milioni di euro in più.

L’accesso all’Europa League per club “minore” viene spesso considerato come ostacolo al campionato dai tifosi – soprattutto a causa del turno aggiuntivo da giocare prima degli ottavi di finale -, ma con un buon percorso la Juventus potrebbe mitigare la perdita di ricavi causata dall’uscita della Champions e conquistare punti importanti anche in chiave ranking UEFA.

Quanto incasserebbe la Juventus in ’Europa League?

Inizialmente arriverebbero 500mila euro per la qualificazione agli spareggi (che mettono di fronte le terze classificate nei gironi di Champions e le seconde dei gironi di Europa League). A questa cifra, andrebbero aggiunti le somme per il superamento dei turni:

  • qualificazione agli ottavi di finale: 1,2 milioni di euro;
  • qualificazione ai quarti di finale: 1,8 milioni di euro;
  • qualificazione alle semifinali: 2,8 milioni di euro;
  • qualificazione alla finale: 4,6 milioni di euro;
  • la vincente della finale di UEFA Europa League riceverà 4 milioni di euro supplementari.

Con un percorso netto fino alla finale, e vincendo il trofeo, la Juventus incasserebbe 14,9 milioni di euro di soli premi, da sommare ai 52 milioni già incassati in Champions. In più, un successo nella competizione garantirebbe la qualificazione alla Champions League e la “prima fascia” nel sorteggio per la fase a gironi, indipendentemente dalla posizione finale dei bianconeri nella Serie A 2022/23.

A queste cifre andrebbero sommati tutti gli incassi per le gare in casa, che con l’avvicinarsi alla finale di Europa League farebbero registrare un sostegno importante. Non solo, un buon percorso europeo – anche oltre la Champions – permetterebbe di conquistare punti importanti per il ranking UEFA.

È evidente che un turno in più di Champions League porti ricavi nettamente superiori a quelli dell’Europa League, ma una strada per “rimediare” al danno sportivo ed economico è ancora a disposizione per la Juventus.


Potrebbero interessare:


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui