Home In evidenza Malmoe contro Ibrahimovic: statua a fuoco, scritte e pesce davanti casa

Malmoe contro Ibrahimovic: statua a fuoco, scritte e pesce davanti casa

19
0
ibra

Da quando Zlatan Ibrahimovic ha annunciato di aver acquisito il 25% dell’Hammarby, promettendo di farlo diventare il “club più importante della Scandinavia” ci sono disordini nella città dove lui è nato, Malmoe.

Ibrahimovic acquista il Hammarby

La notizia è stata svelata con un comunicato ufficale: Ibra ha deciso di investire nel club in questione diventandone co-proprietario: l’attaccante ha infatti acquistato metà delle quote di AEG Svezia, holding che deteneva la proprietà dell’Hammarby. Un affare semplificato dal fatto che AEG è anche proprietaria dei Los Angeles Galaxy. 

Lo stesso Ibrahimovic si è detto entusiasta della nuova esperienza:

“L’Hammarby è un club fantastico, ha supporters calorosi e viene rispettato a Stoccolma e in tutta la Svezia. Mi sono sempre piaciuti la squadra e i tifosi, sono rimasto colpito da ciò che il club ha fatto negli ultimi anni, sia dentro che fuori dal campo. Unirmi a questo club è divertente ed emozionante“.

Disordini in città e statua bruciata

I tifosi del Malmoe non hanno digerito questa cosa tanto da portarli a dare alla fiamme la statua a lui dedicata davanti allo stadio. Di certo Ibra non si aspettava questa reazione:

Questo non ha nulla a che fare col Malmoe. Quando si va in quel club si parla dello Zlatan calciatore e penso che i tifosi rispettino questo. Ho un buon rapporto con il Malmoe ma questo non ha nulla a che fare con me in quanto calciatore. Penso che la gente a Malmoe sia felice per me

Uno dei portavoce dei tifosi del Malmoe ha commentato così la notizia a una testata locale:

Ha sbagliato a ritenere che la città sarebbe stata contenta. Non c’è nessuno a Malmoe che indossi la sua maglia dei Los Angeles Galaxy. Quella statua non ha più molto significato, considerando dov’è e cosa ha fatto ora. Ha attivamente voluto che un altro club diventasse migliore di quello che l’ha reso ciò che è ora.

Il video:


Potrebbero interessare:


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here